dic 15

RESET

Mi alzo tardissimo. Faccio colazione a letto con cereali, latte al cioccolato e Scrubs: le dipendenze della bella vita. Dalle finestre entrano bordate di caldo. Fuori il sole frigge le teste della gente. Ciabatte, costume, asciugamano e bicicletta: 50 metri dopo, sono sul lungomare. Gironzolo finché non trovo un punto assolutamente deserto. Le poche persone che vedo in lontananza, spariscono come per magia quando tolgo gli occhiali da vista. In realtà tutto quello che è oltre i 3 metri di distanza da me comincia ad apparire poco nitido. Fottuta miopia.

Inizia la mia giornata, fatta di sole e di lettura. Il mare limpido è invitante, ma non mi bagno mai sopra il ginocchio, non ne ho voglia. Intercetto in lontananza una venditrice di frutta, che mi prepara al volo un ananas a fette. Prendo anche tre banane ed un mandarino. Sono il mio pranzo. Me ne resto lì come una lucertola, a sentire il calore del sole sulla mia pelle, mentre scrivo sulla sabbia con la punta dell’indice. Tra i miei pensieri, riaffiora un nome che non esiste, frutto di un vecchio romanzo, ma è così pregno di significato che mi fa sobbalzare il cuore e lo colma di felicità. In uno stato di quiete assoluta, torno a sdraiarmi, ascoltando a palla “Hakuna Matata”… a 28 anni. Sono troppo pigro, ma mi alzerei in piedi per fare un balletto.

Rientro in albergo perché tra frutta e bibita mi sto pisciando addosso. Ne approfitto per dedicare una buona mezz’ora alla bicicletta. Riparo il freno posteriore e provo a cincionare con le marce, scoprendo che avevo sistemato male una protezione, impedendo l’inserimento della 6^ e la 7^. Faccio un giro di test e i freni son tornati come nuovi, le marce hanno ripreso a funzionare a dovere. Dovrei lavare la bici e curarla un pochino, ha preso tantissima polvere. Ma anche all’ombra, i 34 gradi di oggi sono abbastanza impegnativi. Salgo in camera per una doccia e per mettere in download qualche puntata per stanotte, visto che qui la vita notturna si limita ad un paio di go-go bar, che se non ho capito male sono posti in cui andare se si cerca quel tipo di compagnia. Da evitare come la peste!

02-strada

About the Author:


Leave a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *