nov 27

GIROVAGANDO PER CHIANG MAI.

Aggiorno il blog prima di ripartire all’avventura, mentre dalla strada arrivano assordanti le note di una canzone degli Abba.
Non sono un turista che programma le cose, ed in questo viaggio in particolare sto girando ispirato dal momento, da come si prospetta la giornata. In un modo o nell’altro, riesco sempre a perdermi in posti caratteristici e mai banali o turistici. Adoro la libertà di movimento che mi sta offrendo la bici, mezzo di trasporto che promuovo a pieni voti e che, probabilmente, sceglierò per le prossime vacanze.
A pranzo sono stato in un ristorante vegetariano, ho speso la bellezza di 40 baht per tre piatti, ed altri 20 in un chiosco di frutta. Il posto, che riconfermo per il pranzo di oggi, è assolutamente a misura di thailandese, con i prezzi così come per i sapori.

Ciondolando per la città e visitando uno dei trecento templi che Chiang Mai ha da offrire, sono riuscito ad incrociare Ivan, il ragazzo colombiano conosciuto in treno e con il quale ho trascorso una piacevole serata, in un altro ristorante veg, per altro! Abbiamo finito la serata in un piccolo bar proprio dietro la mia guesthouse, dove un mojito costa 90 baht (meno di due euro!)

Ho fatto un piccolo video, in cui in realtà non dico né più né meno di quanto sto facendo ora, ma se volete sentire la mia brutta voce, vi accontento non appena la rete torna un po’ più stabile… nel frattempo vado a fare un giro in un villaggio di montagna.

GIROVAGANDO PER CHIANG MAI

 

About the Author:


Leave a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *