nov 19

ARRIVO. DISAGI. RICORDI.

Vorrei avere il computer quando sono fuori per strada. La scarica di emozioni, l’adrenalina e la (quasi) consapevolezza di questo viaggio in solitaria, ben si manifestano in mezzo agli odori ed al caotico trambusto tailandese.

Per questo primo giorno nella capitale, ho scelto una sistemazione assolutamente periferica, ad un tiro di sasso dall’aeroporto. Il quartiere appare scialbo e non curato, popolato da troppe persone e troppi animali. Condividono spazi comuni, come cucina e “sala” da pranzo, il più delle volte all’aperto, consumando i pasti ad un passo di distanza dalla strada e dai tubi di scappamento delle automobili. Se si alzano gli occhi verso il cielo, capita spesso di vedere aerei appena decollati. Ma a quanto pare sono l’unico a guardare in alto, neppure i bambini lo fanno, tenendo i loro sogni saldamente ancorati a terra.

In una passeggiata di trenta minuti, ho incontrato un solo turista occidentale. Gli autoctoni invece non li ricordavo così schivi, sono molto più affettuosi i cani randagi, sempre tantissimi e sempre vessati da pulci, croste e cicatrici.

Riconfermato il ricordo del traffico: le macchine sfrecciano incontrollabili sulle arterie principali, strade ampie dove si supera indistintamente a destra ed a sinistra. Di contro, avevo completamente dimenticato che la Thailandia ha degli odori davvero forti e sgradevoli, alle volte sono cassonetti dell’immondizia, ma più spesso è la puzza di qualche carne di seconda scelta, cotta lungo i marciapiedi in baracchini strampalati.

Ho fatto la prima piccola scelta etica, boicottando i soliti supermercati 7Eleven in favore di un tugurio a conduzione familiare. Probabilmente spendendo qualche baht in più. Ho un leggero senso di vertigini, causate senz’altro dal caldo improvviso, la disidratazione e le poche ore di sonno. Mi sono concesso un massaggio thai dolorosissimo, ma gli effetti benefici stanno già facendosi sentire. In attesa che il mio pasto sia pronto, inizio ad informarmi sulla mia prossima meta, che con tutta probabilità sarà Ayuthaya.

CIBO THAI ALE VIDAL

About the Author:


Leave a Comment!

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *